SERVIZI ALLA CITTÀ

Spesso la qualità della vita di una città dipende dai servizi erogati dal Comune e dalla rapidità e dalla efficienza con cui un’Amministrazione riesce a rispondere alle istanze e ai bisogni dei cittadini.

Ormai non si tratta più soltanto del semplice rilascio di un certificato di nascita o del rinnovo di una carta d’identità, retaggio di un modello burocratico appartenente al passato.

Le nuove condizioni di vita di una Comunità, assai composita e complessa per stili di vita ed esigenze sociali, impongono una riorganizzazione innovativa della ‘macchina’ amministrativo-burocratica e un’attenzione diligente e accurata nei confronti delle persone.

Si pensi alla conciliazione dei tempi di lavoro con quelli di vita familiare, agli anziani sempre più longevi e numerosi, alla mancanza di un asilo nido.

Di fondo c’è una iniquità sociale, prodotta e avallata dai governi centrali, che penalizza il Sud e che va rimossa anche per gli effetti negativi che produce sull’economia.

È imprescindibile per una Città civile attivare e potenziare i servizi ai cittadini affinché nessuno resti senza assistenza.

Il Comune e la riorganizzazione degli Uffici

  • Informatizzazione, ammodernamento delle tecnologie e creazione della rete di tutti gli Uffici comunali;
  • Potenziamento degli Uffici che evidenziamo maggiori criticità con particolare riferimento agli Uffici tecnici e all’Ufficio Tributi; Adeguamento degli organici di Polizia Municipale;
  • Formazione linguistica (inglese, francese, tedesco, spagnolo) per gli addetti alla ricezione turistica e alla sicurezza da dislocare nei luoghi a maggiore affluenza di visitatori (Castel del Monte, Centro Antico, Cattedrale, Sant’Agostino);
  • Creazione dell’Ufficio “Semplificazioni amministrative e incentivi alla produttività”;
  • Semplificazione e snellimento degli adempimenti burocratici soprattutto in relazione alle licenze edilizie e all’apertura di nuove attività per favorire la ripresa occupazionale ed economica;
  • Informazione periodica, anche attraverso i canali “social”, dell’attività amministrativa;
  • Verifica puntuale e periodica dei risultati ottenuti dagli uffici per l’attività alla quale sono preposti;
  • Riallineamento degli obiettivi programmatici in relazione a mutate esigenze o a emergenze sopravvenute;
  • Studio, in collaborazione con l’Università degli Studi di Bari, del progetto per lo sviluppo di applicazioni legata alle tecnologie emergenti;
  • Creazione di un ufficio che promuova e coordini i progetti concepiti dai cittadini di integrazione all’attività amministrativa nonché sui principali interventi per la Città. La collaborazione tra Cittadini e Amministrazione sarà regolamentata da apposito protocollo;
  • Apertura dello sportello di ascolto dei cittadini anche per raccogliere reclami e suggerimenti;

In contatto con l’Europa: lo sportello di programmazione europea; il crowdfunding e il fundraising

  • Costituzione dell’Ufficio della Programmazione e Sviluppo trasversale, con il compito di intercettare i finanziamenti europei ovvero nazionali e regionali in relazione agli obiettivi del programma;
  • Attivazione di strategie e procedimenti per intercettare e acquisire finanziamenti da altre istituzioni pubbliche e private nonché di risorse attraverso il crowdfunding e il fundraising;
  • Istruttoria per la partecipazione ai bandi di finanziamento e produzione di tutta la documentazione relativa e successiva gestione;

Il Bilancio Comunale

  • Condivisione e partecipazione pubblica alla formazione del Bilancio di previsione per raccogliere pareri e suggerimenti;
  • Applicazione di criteri di massima trasparenza, di rigore e di equità;
  • Pubblicazione dei Bilanci di previsione e consuntivo anche attraverso i canali informatici e “social” nella formula integrale e semplificata;
  • Costituzione, nell’ambito dei Settori Finanziari, del Servizio di revisione della spesa comunale;
  • Studio di fattibilità sull’emissione di bond comunali in relazione a progetti e attività specifiche;

Il recupero dell’evasione tributaria

  • Contrasto all’elevata evasione dei tributi comunali, ormai giunta al 35%, attraverso il miglior controllo e la puntuale gestione del ‘data base’ dei contribuenti;
  • Recupero coatto dell’evasione tributaria non giustificata da motivi di disagio sociale;

La partecipata ‘Multiservice’

  • Valorizzazione del ‘capitale umano’ e ottimizzazione dei servizi e delle risorse finanziarie della Multiservice;
  • Superamento degli appalti ‘Sangalli’ e ‘Publiparking’ per i servizi di raccolta dei rifiuti urbani e della gestione della sosta dei veicoli, alla scadenza dei contratti;
  • Ampliamento dei servizi con nuova dotazione di mezzi e con l’accorpamento degli ausiliari del traffico e del personale impiegato per la raccolta dei rifiuti urbani;

Le altre partecipate

  • Rilancio e riorganizzazione dell’Agenzia per l’Occupazione e lo Sviluppo dell’Area Nord Barese Ofantina;

I servizi alla famiglia e l’attenzione per il disagio e le fragilità sociali

Il welfare

  • Supportare e accompagnare le famiglie, con servizi dedicati, per la cura e l’assistenza dei familiari affetti da patologie croniche o degenerative della mente fornendo soccorso e interventi formativi e informativi sulle malattie;
  • Recupero delle disfunzioni determinate dalle difficoltà finanziarie del Comune;
  • Decentramento nei quartieri dei servizi essenziali a cominciare da modalità di intervento che consentano alla persona di rimanere nel proprio ambiente familiare e sociale;
  • Estensione del welfare a chi ne è escluso favorendo un modello di partecipazione nel quale famiglie, volontariato, imprese, associazioni diventino, sotto la guida delle strutture socio-assistenziali, parte attiva nell’attenzione e nella cura dei soggetti più
  • Adozione del welfare generativo in grado di rigenerare le risorse già disponibili, responsabilizzando le persone che usufruiscono di sostegno, al fine di aumentare il rendimento degli interventi delle politiche sociali a beneficio dell’intera collettività;
  • Sostegno alle persone in grave difficoltà economica, costrette dalla grave crisi congiunturale a vivere in situazioni di indigenza;
  • Istituzione di un fondo di riserva per le emergenze del disagio sociale ed economico;
  • Costituzione della “Fondazione Andria Sociale” per un futuro di cure e attenzioni alle persone fragili nella prospettiva del “dopo di noi”;
  • Affermare la centralità e la guida del nella ideazione, definizione e redazione del Piano Sociale di Zona;

La famiglia

  • Attivare e incrementare i servizi che permettono la conciliazione dei tempi famiglia/lavoro (Trasporto pubblico locale, asili nido, flessibilità degli orari di apertura e chiusura di uffici e attività commerciali);
  • Favorire la frequentazione dei nuclei familiari nei luoghi di aggregazione, di svago e di cultura (parchi, strutture sportive, biblioteche, musei) con particolare riferimento all’accoglienza delle persone fragili;
  • Incoraggiare e consolidare gli interventi di inclusione scolastica dei minori disabili;
  • Incentivi per l’eliminazione delle barriere architettoniche ed aumentare l’accessibilità nelle zone del commercio;
  • Istituzione del servizio di pronto intervento sociale per il sollievo e l’aiuto nelle situazioni di emergenza;
  • Potenziare gli interventi di accompagnamento della famiglia nella prima fase di diagnosi di disabilità di un bambino;
  • Favorire l’inserimento o il reinserimento di soggetti fragili, di ex detenuti, di ex tossicodipendenti negli ambiti lavorativi attraverso percorsi di formazione e di inclusione;
  • Avviare progetti di “residenza leggera”, propedeutica alla residenza definitiva;
  • Realizzazione di residenze per persone diversamente abili;

Gli anziani, le nuove povertà, i defibrillatori

  • Consentire alle persone anziane di restare quanto più possibile nell’ambiente familiare e in quelli della propria vita quotidiana assicurando l’assistenza domiciliare;
  • Rafforzare, in collaborazione con il Volontariato e le associazioni, le iniziative di prossimità e le attività di sorveglianza nonché gli interventi di compagnia e di visita frequente per scongiurare l’isolamento sociale;
  • Promuovere i progetti di “portierato sociale” e di “custodia sociale” nei condomini;
  • Favorire le iniziative che promuovono attività per la terza età e sviluppare progetti dedicati alla salute per la longevità attiva;
  • Attivazione di una linea di ascolto telefonico per gli anziani in solitudine anche al fine di sventare tentativi di raggiro e di truffa;
  • Attivazione dell’Ufficio comunale per gli over 65 di ascolto per utenze e per tributi;
  • Installazione di defibrillatori distribuiti nella città e corsi di formazione per il loro utilizzo;

Gli asili nido e la rivendicazione nei confronti dello Stato

  • Rivendicazione, nei confronti del Governo Centrale, del ripristino di condizione paritarie tra Nord e Sud con particolare riferimento agli asili e al numero di asili per Andria;
  • Rimodulazione della gestione e delle tariffe per l’Asilo Comunale per consentirne la riapertura e la frequentazione dei bambini;
  • Verificare la possibilità dell’esenzione dal pagamento della retta per le famiglie in stato di disagio economico e già seguite dai servizi sociali;
  • Studio di fattibilità in relazione all’integrazione della rete degli asili privati con quelli pubblici attivi in città;

La mobilità

La metropolitana leggera

  • Collegamento tramite bus elettrici, o a basso impatto ambientale, delle nuove stazioni ferroviarie della Ferrotramviaria Bari-Nord: Andria Nord, Andria Sud e Andria Macchia di Rose (a servizio dell’erigendo nuovo Ospedale);
  • Parking per la ricarica di auto e bici elettriche e di stazionamento di bike sharing in prossimità delle nuove stazioni ferroviarie e a servizio delle piattaforme intermodali;

Il completamento della tangenziale

  • Progettazione e ricerca finanziamenti per il completamento dell’anello della tangenziale e per l’ammodernamento dell’intero tracciato;

Il traffico e la diversa concezione della mobilità, le ZTL e le aree pedonali, i parcheggi, la tangenziale e le piattaforme intermodali

  • Predisposizione di un nuovo Piano del Traffico Urbano Sostenibile (PUMS), attraverso appositi finanziamenti ministeriali, per decongestionare la città dal traffico e ridurre le emissioni inquinanti dei gas di scarico;
  • Divieto di circolazione nel centro cittadino per i veicoli classificati Euro 2 ed Euro 3;
  • Ripristino e ampliamento della rete di piste ciclabili e incentivazione all’uso della bici anche grazie a nuove modalità di utilizzo del bike sharing;
  • Coinvolgimento dei commercianti e dei residenti nell’individuazione e la progettazione di nuove zone di ZTL e incentivazione per l’introduzione di misure che favoriscano la mobilità alternativa;
  • Riorganizzazione del sistema di sosta con la realizzazione di nuovi parcheggi di scambio e di piattaforme intermodali con l’ausilio del trasporto pubblico urbano (auto – treno; auto-bici; auto pedone; bus-auto);
  • Progetto e ricerca di finanziamenti per la realizzazione di parcheggi multipiano o interrati a servizio delle aree pedonali;
  • Realizzazione della zona di sosta dei bus di collegamento nazionale e internazionale presso la stazione ferroviaria Andria Sud, facilmente raggiungibile dalla tangenziale e dal casello autostradale, e servizio di bus-navetta elettrico per raggiungere il centro cittadino;
  • Potenziare l’offerta di Mobilità Sostenibile (MS) attraverso il miglioramento, la razionalizzazione e l’integrazione di percorsi ciclabili e la creazione di servizi ad essi connessi;
  • Ricucitura di tutte le piste ciclabili realizzate frammentate e disconnesse razionalizzando i percorsi;
  • Sviluppo di percorsi e itinerari di mobilità lenta a valenza turistica e naturalistica;
  • Implementazione dei servizi a supporto del turismo ciclabile (noleggio bici, info-point, siti web tracciamenti GPS, etc..)
  • Incrementare l’azione educativa preventiva e promotrice della sicurezza stradale con particolare attenzione verso le utenze deboli;
  • Custodia e manutenzione delle biciclette bike sharing per favorire l’uso corretto del servizio e per scoraggiare atti di vandalismo;
  • Rimodulazione delle zone blu di sosta nel centro cittadino;
  • Nuova disciplina degli orari di carico e scarico merci;
  • Raccolta notturna dei rifiuti;

La rete di Trasporto Pubblico Urbano e il nuovo parco mezzi

  • Ampliamento del servizio con nuove linee e maggiore frequenza delle corse del trasporto pubblico urbano;
  • Dotazione di nuovi bus elettrici in sostituzione di quelli obsoleti e acquisizione di minibus per il Centro Antico, attraverso appositi finanziamenti ministeriali;

La sicurezza

La rete di Trasporto Pubblico Urbano e il nuovo parco mezzi

  • Aprire il confronto tra residenti, comitati di quartiere, esercenti, agenzie sociali ed educative, rappresentanze giovanili per giungere a un patto di corresponsabilità che scongiuri eventuali momenti di tensione ed eviti maleducazione vandalismo;
  • Incoraggiare comportamenti compatibili con la tranquillità di vita dei quartieri senza penalizzare le attività commerciali e il diritto all’emozione e alla socialità;
  • Massima attenzione al Centro Antico e alle altre zone di aggregazione dei nostri giovani, spesso teatro di atteggiamenti esuberanti, incontrollati e, qualche volta, indegni della nostra città;

Il potenziamento degli organici delle Forze dell’Ordine

  • Accordo con le Forze dell’Ordine e con gli Istituti di vigilanza in coordinamento con la Polizia Locale per il contrasto alla microcriminalità e agli atteggiamenti delittuosi e per un più puntuale controllo del territorio;
  • Razionalizzazione della presenza delle Forze dell’Ordine per un controllo della Città più assiduo e per eventuali nuovi presidi nei quartieri sensibili;
  • Istituzione del servizio notturno di sorveglianza municipale anche con l’ausilio della moderna tecnologia (videosorveglianza, utilizzo di droni, etc);
  • Potenziamento dell’illuminazione stradale soprattutto nel Centro Antico, in periferia e nelle zone dove c’è bisogno di maggiore attenzione;
  • Potenziamento della videosorveglianza;
  • Istituzione di un numero telefonico di pronto intervento per segnalazioni di soprusi, violenze, atteggiamenti di bullismo e di atti di vandalismo;
  • Sorveglianza attiva e mobile delle Forze dell’Ordine nel Centro Antico.

L’emergenza tossicodipendenza e ludopatia

  • Contrasto allo spaccio e al consumo di stupefacenti attuando, in accordo con Forze dell’ordine e Organi di vigilanza, più severi controlli nei luoghi sensibili;
  • Contrasto alla ludopatia promuovendo campagne di sensibilizzazione e di informazione sulla dipendenza da gioco d’azzardo;

Il controllo sull’uso di nuovi veicoli e la sorveglianza sui beni pubblici

  • Controllo della circolazione delle bici elettriche e identificazione dei conducenti per evitare che l’uso irregolare risulti pericoloso per la pubblica incolumità, specialmente nei luoghi e negli spazi frequentati da bambini e da famiglie;
  • Cura e custodia degli spazi pubblici, del verde pubblico e delle emergenze artistiche, storiche e architettoniche;
  • Garantire il rispetto delle regole anche con l’applicazione di sanzioni per chi deturpa, imbratta, danneggia la Città.

La raccolta dei rifiuti urbani

  • Potenziamento ed efficientamento del servizio di raccolta dei rifiuti urbani, della raccolta differenziata e dell’Isola Ecologica;
  • Rimodulazione della tariffazione relativa al servizio nell’ottica della riduzione della TARI, applicando il principio puntuale e proporzionale “meno produco rifiuti, meglio differenzio, meno pago”, in armonia con le nuove linee guida emanate dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente);
  • Contrasto all’abbandono dei rifiuti per strada con drastiche misure sanzionatorie;
  • Sperimentazione, con incisive compagne informative a supporto, del modello ‘vuoto a rendere’;
  • Azioni di sensibilizzazione per il corretto conferimento dei rifiuti;
  • Realizzazione di impianto di produzione di biocarburi avanzati (biometano) da scarti agricoli (no FORSU), in collaborazione con le organizzazioni agricole;
  • Studio per la raccolta e la gestione tracciata dei rifiuti (microchip RFID – Radio Frequency Identification);
  • Progettazione e ricerca di finanziamenti per la creazione un’isola ecologica ogni 25.000 abitanti al fine di dotare la città di una rete diffusa di raccolta dei rifiuti;
  • Informazione e sensibilizzazione sulla raccolta di rifiuti pericolosi e altamente inquinanti come batterie e pile esauste, oli esausti etc…;
  • Pubblicizzazione del numero verde per il ritiro dei rifiuti ingombranti;
  • Ricerca, individuazione ed eliminazione di tutte le micro discariche esistenti nel territorio comunale;

Sostenibilità economica

Si consiglia di ruotare il cellulare in posizione orizzontale per una visione ottimale.

Obiettvi Generali Obiettivi Strategici Ambiti di Intervento Programmazione principali interventi/azioni Strumenti attuativi/ Fondi e Finanziamenti
RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI ALLA CITTÀ E AL TERRITORIO Rendere più efficienti gli strumenti di governo e gestione della città e sviluppare metodiche che consentano la semplificazione e la più ampia partecipazione alla vita amministrativa dei cittadini Comune di Andria Informazione periodica, anche attraverso i canali “social”, dell’attività amministrativa; Potenziamento degli Uffici che evidenziamo maggiori criticità con particolare riferimento agli Uffici tecnici e all’Ufficio Tributi; Creazione dell’Ufficio “Semplificazioni amministrative e incentivi alla produttività”; Risorse Comunali
Migliorare l'accessibilità, la fruibilità e la semplificazione dei servizi comunali e i tempi di attesa dei cittadini ripensando le modalità di organizzazione ed erogazione dei servizi e sviluppando l'uso delle nuove tecnologie "Informatizzazione, ammodernamento delle tecnologie e creazione della rete di tutti gli Uffici comunali; Potenziamento degli Uffici che evidenziamo maggiori criticità con particolare riferimento agli Uffici tecnici e all’Ufficio Tributi; Semplificazione e snellimento degli adempimenti burocratici soprattutto in relazione alle licenze edilizie e all’apertura di nuove attività per favorire la ripresa occupazionale ed economica "
Implementare azioni di controllo della finanza pubblica contrasto all'evasione tributaria e di valutazione delle performance della Pubblica Amministrazione "Informazione periodica, anche attraverso i canali “social”, dell’attività amministrativa; Verifica puntuale e periodica dei risultati ottenuti dagli uffici per l’attività alla quale sono preposti; Riallineamento degli obiettivi programmatici in relazione a mutate esigenze o a emergenze sopravvenute; Contrasto all’elevata evasione dei tributi comunali, ormai giunta al 35%, attraverso il miglior controllo e la puntuale gestione del ‘data base’ dei contribuenti; Recupero coatto dell’evasione tributaria non giustificata da motivi di disagio sociale; "
Implementare l'efficienza delle società partecipate e favorirne il rilancio e il riassetto funzionale e organico "Valorizzazione del ‘capitale umano’ e ottimizzazione dei servizi e delle risorse finanziarie della Multiservice; Ampliamento dei servizi con nuova dotazione di mezzi e con l’accorpamento degli ausiliari del traffico e del personale impiegato per la raccolta dei rifiuti urbani; Rilancio e riorganizzazione dell’Agenzia per l’Occupazione e lo Sviluppo dell’Area Nord Barese Ofantina; Superamento degli appalti ‘Sangalli’ e ‘Publiparking’ per i servizi di raccolta dei rifiuti urbani e della gestione della sosta dei veicoli, alla scadenza dei contratti;"
Promuovere la comunicazione e la partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa, sviluppare un sistema di controlli per garantire un'azione amministrativa equa e solidale "Condivisione e partecipazione pubblica alla formazione del Bilancio di previsione per raccogliere pareri e suggerimenti; Applicazione di criteri di massima trasparenza, di rigore e di equità; Pubblicazione dei Bilanci di previsione e consuntivo anche attraverso i canali informatici e “social” nella formula integrale e semplificata; Costituzione, nell’ambito dei Settori Finanziari, del Servizio di revisione della spesa comunale; Studio di fattibilità sull’emissione di bond comunali in relazione a progetti e attività specifiche;" Fondi Comunali e Regionali
Implementare e favorire azioni di raccordo con l’Europa "Costituzione dell’Ufficio della Programmazione e Sviluppo economico trasversale, con il compito di intercettare i finanziamenti europei ovvero nazionali e regionali in relazione agli obiettivi del programma; Attivazione di strategie e procedimenti per intercettare e acquisire finanziamenti da altre istituzioni pubbliche e private nonché di risorse attraverso il crowdfunding e il fundraising; Istruttoria per la partecipazione ai bandi di finanziamento e produzione di tutta la documentazione relativa e successiva gestione; " Fondi Comunitari, Regionali e Comunali
ORDINE PUBBLICO E SICUREZZA Mantenere il benessere e la sicurezza dei cittadini sostenendo la partecipazione, il senso della legalità, la promozione sociale quali antidoti contro l'illegalità. Adeguamento degli organici di Polizia Municipale; Formazione linguistica (inglese, francese, tedesco, spagnolo) per gli addetti alla ricezione turistica alla sicurezza da dislocare nei luoghi a maggiore affluenza di visitatori (Castel del Monte, Centro Antico, Cattedrale, Sant’Agostino); Fondi Regionali e Comunali
Sicurezza e legalità per favorire azioni di sviluppo nei quartieri maggiormente a rischio (es. centro antico) "Accordo con le Forze dell’Ordine e con gli Istituti di vigilanza in coordinamento con la Polizia Locale per il contrasto alla microcriminalità e agli atteggiamenti delittuosi e per un più puntuale controllo del territorio; Razionalizzazione della presenza delle Forze dell’Ordine per un controllo della Città più assiduo e per eventuali nuovi presidi nei quartieri sensibili; Istituzione del servizio notturno di sorveglianza municipale anche con l’ausilio della moderna tecnologia (videosorveglianza, utilizzo di droni, etc); Potenziamento dell’illuminazione stradale soprattutto nel Centro Antico, in periferia e nelle zone dove c’è bisogno di maggiore attenzione; Potenziamento della videosorveglianza; Istituzione di un numero telefonico di pronto intervento per segnalazioni di soprusi, violenze, atteggiamenti di bullismo e di atti di vandalismo; Sorveglianza attiva e mobile delle Forze dell’Ordine nel Centro Antico." Risorse Comunali
Custodia e sorveglianza dei beni pubblici e di interesse collettivo "Controllo della circolazione delle bici elettriche e identificazione dei conducenti per evitare che l’uso irregolare risulti pericoloso per la pubblica incolumità, specialmente nei luoghi e negli spazi frequentati da bambini e da famiglie; Cura e custodia degli spazi pubblici, del verde pubblico e delle emergenze artistiche, storiche e architettoniche; Garantire il rispetto delle regole anche con l'applicazione di sanzioni per chi deturpa, imbratta, danneggia la Città" Fondi Nazionali e Risorse Comunali
WELFARE Ripensamento globale dell’intero servizio del Settore Sociale che non lo veda più solo come il luogo dell’assistenza al disagio nel quale vengono erogati servizi " Supportare e accompagnare le famiglie, con servizi dedicati, per la cura e l’assistenza dei familiari affetti da patologie croniche o degenerative della mente fornendo soccorso e interventi formativi e informativi sulle malattie;" Risorse Comunali e Fondi Nazionali e Regionali
CITTA' ATTENTA ALLE FRAGILITA' Ripensamento globale dell’intero servizio del Settore Sociale che non lo veda più solo come il luogo dell’assistenza al disagio nel quale vengono erogati servizi ma che sia attento alla diversità e alle fragilità "Attivare e incrementare i servizi che permettono la conciliazione dei tempi famiglia/lavoro (Trasporto pubblico locale, asili nido, flessibilità degli orari di apertura e chiusura di uffici e attività commerciali);"" Supportare e accompagnare le famiglie, con servizi dedicati, per la cura e l’assistenza dei familiari affetti da patologie croniche o degenerative della mente fornendo soccorso e interventi formativi e informativi sulle malattie;"""
CITTA' DEI BAMBINI Promuovere il benessere e la qualità della vita dei bambini e delle giovani generazioni attraverso politiche di coesione ed integrazione sociale, di conciliazione dei tempi delle famiglie, spazi verdi e sostegno allo sporto e al tempo libero "Attivare e incrementare i servizi che permettono la conciliazione dei tempi famiglia/lavoro (Trasporto pubblico locale, asili nido, flessibilità degli orari di apertura e chiusura di uffici e attività commerciali); Favorire la frequentazione dei nuclei familiari nei luoghi di aggregazione, di svago e di cultura (parchi, strutture sportive, biblioteche, musei); Incoraggiare e consolidare gli interventi di inclusione scolastica dei minori disabili; Supportare e accompagnare le famiglie, con servizi dedicati, per la cura e l’assistenza dei familiari affetti da patologie croniche o degenerative della mente fornendo soccorso e interventi formativi e informativi sulle malattie; Rivendicazione, nei confronti del Governo Centrale, del ripristino di condizione paritarie tra Nord e Sud con particolare riferimento agli asili e al numero di asili per Andria; Rimodulazione della gestione e delle tariffe per l’Asilo Comunale per consentirne la riapertura e la frequentazione dei bambini; Verificare la possibilità dell'esenzione dal pagamento della retta per le famiglie in stato di disagio economico e già seguite dai servizi sociali;"
GREEN ECONOMY Una città ad Economia Circolare "Potenziamento ed efficientamento del servizio di raccolta dei rifiuti urbani, della raccolta differenziata e dell’Isola Ecologica; Rimodulazione della tariffazione relativa al servizio nell’ottica della riduzione della TARI, applicando il principio puntuale e proporzionale “meno produco rifiuti, meglio differenzio, meno pago”, in armonia con le nuove linee guida emanate dall'ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente) ; Contrasto all’abbandono dei rifiuti per strada con drastiche misure sanzionatorie Sperimentazione, con incisive compagne informative a supporto, del modello ‘vuoto a rendere’; Azioni di sensibilizzazione per il corretto conferimento dei rifiuti; Realizzazione di impianto di produzione di biocarburanti avanzati (biometano)da scarti agricoli (no Forsu), in collaborazione con le organizzazioni agricole; " Fondi Regionali e Privati
TRASPORTI E DIRITTO AD UNA MOBILITA’ INTEGRATA E SOSTENIBILE Aumentare l'accessibilità e la fruibilità di alcune zone del centro antico migliorare il sistema dei trasporti pubblici in modo da servire tutti i quartieri cittadini e garantire i collegamenti con i principali snodi di intermodalità. Collegamento tramite bus elettrici a basso impatto ambientale delle nuove stazioni ferroviarie della Ferrotramviaria Bari-Nord: Andria Nord, Andria Sud e Andria Macchia di Rose (a servizio dell’erigendo nuovo Ospedale); Studiare incentivi per l'eliminazione delle barrire architettoniche ed aumentare l'accessibilità nelle zone del commercio. Divieto di circolazione nel centro cittadino per i veicoli classificati Euro 2 ed Euro 3 Fondi Comunali e Regionali
Migliorare la dotazione di parcheggi e mezzi a servizio dell’area urbana centrale e delle zone produttive e artigianali; "Progetto e ricerca di finanziamenti per la realizzazione di parcheggi multipiano o interrati a servizio delle aree pedonali; Realizzazione della zona di sosta dei bus di collegamento nazionale e internazionale presso la stazione ferroviaria Andria Sud, facilmente raggiungibile dalla tangenziale e dal casello autostradale, e servizio di bus-navetta elettrico per raggiungere il centro cittadino; Dotazione di nuovi bus elettrici in sostituzione di quelli obsoleti e acquisizione di minibus per il Centro Antico, attraverso appositi finanziamenti ministeriali; " Fondi Regionali, Nazionali e Privati
Predisposizione di una nuova pianificazione di settore che garantisca la sostenibilità e l'accessibilità Predisposizione di nuovo Piano del Traffico Urbano Sostenibile PUMS, attraverso appositi finanziamenti ministeriali, per decongestionare la città dal traffico e ridurre le emissioni inquinanti dei gas di scarico; Ampliamento del servizio con nuove linee e maggiore frequenza delle corse del trasporto pubblico urbano. Fondi Comunali, Nazionali e Regionali
Promuovere e favorire l'uso dei mezzi pubblico e di altre forme di mobilità "dolce" sia in città, liberando il centro cittadina dal sovraffollamento di automobili e traffico ZTL, sia su percorsi extraurbani a valenza naturalistica e turistica "Ripristino e ampliamento della rete di piste ciclabili e incentivazione all’uso della bici anche grazie a nuove modalità di utilizzo del bike sharing. Potenziare l'offerta di Mobilità Sostenibile (MS) attraverso il miglioramento la razionalizzazione e l'integrazione di percorsi ciclabili e la creazione di servizi ad essi connessi; promuovere la ricucitura di tutte le piste ciclabili realizzate frammentate e disconnesse razionalizzando i percorsi; Sviluppo di percorsi ed itinerari di mobilità lenta a valenza turistica e naturalistica Coinvolgimento dei commercianti e dei residenti nell’individuazione e la progettazione di nuove zone di ZTL e incentivazione per l'introduzione di misure che favoriscano la mobilità alternativa; Riorganizzazione del sistema di sosta con la realizzazione di nuovi parcheggi di scambio e di piattaforme intermodali con l’ausilio del trasporto pubblico urbano (auto - treno; auto-bici; auto pedone; bus-auto); " Fondi Regionali e Privati
Sistematizzare le politiche cittadine sulla mobilità sostenibile e sulle infrastrutture in coerenza con quelle regionali Territorio Urbano ed Extraurbano. Patrimonio immateriale Ricucitura di tutte le piste ciclabili realizzate frammentate e disconnesse razionalizzando i percorsi; Ripristino e ampliamento della rete di piste ciclabili e incentivazione all’uso della bici anche grazie a nuove modalità di utilizzo del bike sharing; Progettazione e ricerca finanziamenti per il completamento dell'anello della tangenziale e per l'ammodernamento dell'intero tracciato
Incrementare i servi legati alla mobilità sostenibile Incrementare l'azione educativa preventiva e promotrice della sicurezza stradale con particolare attenzione verso le utenze deboli. Implementare servizi a supporto del turismo ciclabile( noleggio bici, infopoint, siti web tracciamenti GPS, etc) Favorire servizi di bike sharing, car pooling, piedibus, etc..;