Perchè mi candido

“Il cuore ha delle ragioni che la ragione non conosce”. Forse potrebbe bastare questa massima per spiegare il motivo della mia candidatura a Sindaco di Andria, ma in realtà dietro c’è molto di più. 

C’è la volontà di costruire qualcosa di nuovo e di diverso per il bene della nostra comunità. Una comunità che in questi anni è stata colpevolmente dimenticata e non aiutata ad esprimere al meglio le proprie potenzialità. 

C’è la volontà di offrire agli andriesi una proposta credibile che non venda fumo negli occhi o promesse irrealizzabili ma progetti concreti e realizzabili, con competenza, professionalità e serietà.

Ma soprattutto c’è la volontà di non accettare che il futuro della città possa essere svenduto attraverso giochi di potere e decisioni prese al chiuso di stanze romane. In politica si possono commettere errori ma non può mai venire a mancare la coerenza e l’impegno alla parola data. Questo ho imparato in questi anni ed è seguendo questi principii che ho agito, compiendo scelte non facili, sicuramente scomode, ma tutte fatte pensando al bene della città. 

Oggi, insieme a tanti amici e tante amiche ci presentiamo alla città da persone libere, al di fuori di schemi di partito che non potevamo più essere sopportati, e forti delle proprie idee. Siamo consapevoli che per Andria serviranno impegno e passione ma anche tanta voglia di cambiare le cose. 

Noi mettiamo a disposizione la nostra determinazione, vogliamo ragionare dei problemi e di come risolverli, confrontarci sui fatti concreti, e farlo con tutti, senza preconcetti o schemi mentali. Perché è solo attraverso il dialogo e la partecipazione che una comunità può crescere. 

Abbiamo però un’unica condizione a cui terremo fede e che dovrà essere sempre rispettata: niente compromessi, solo Andria!

Contattami. Ti ascolto.